L’ospedale di Bronte ha finalmente un nuovo pronto soccorso, totalmente rinnovato e ammodernato, una nuova ambulanza, una TAC a 64 strati.

Il taglio formale del nastro alla presenza del presidente della Regione, Nello Musumeci, l’assessore regionale alla salute, Ruggero Razza, il direttore dell’Asp, dott Maurizio Lanza, e naturalmente il sindaco di Bronte, Pino Firrarello.

li gusti

La visita al nuovo pronto soccorso è stata preceduta da un incontro all’interno dell’aula consiliare del comune di Bronte, il presidente Musumeci – alla presenza anche dei sindaci del comprensorio – ha tenuto un discorso interessante, toccando temi molto vicini alla comunità brontese, tra cui l’ospedale, la Diga di Bolo e l’ammodernamento delle strade provinciali, da anni in totale degrado.

“La sanità in Sicilia ha tenuto botta, in un periodo complicato come questo, le nostre strutture sanitarie hanno risposto presente, anche grazie al lavoro di numerosi operatori sanitari, dei sindaci che hanno operato sul territorio, e dei siciliani che hanno rispettato le regole”, così Musumeci in apertura di discorso. Parole di stima e affetto per il sindaco Firrarello: “Pino è un veterano della politica, un uomo capace che non si è mai abbattuto davanti le difficoltà, e la politica deve essere questo: servizio, perspicacia e mettersi sempre in gioco”.

In chiusura Musumeci ha anche fatto riferimento al progetto della Diga di Bolo, altra opera di fondamentale importanza per Bronte e il comprensorio: “Ho portato questo progetto ai tavoli romani, il Governo centrale, il Ministero delle Infrastrutture, è a conoscenza dell’importanza di questa Diga”.

Parole d’apprezzamento anche dell’assessore Razza, che all’esterno del P.O di Bronte ha parlato della giornata: “La Sicilia non può rimanere indietro, il nostro lavoro quotidiano è quello di potenziare la sanità, gli ospedali, renderli moderni e offrire ai siciliani la migliore assistenza possibile. L’ospedale di Bronte è un polo importante, un bacino di circa 50mila persone si appoggia a questo ospedale, oggi siamo felici di vedere un pronto soccorso moderno, un’ambulanza nuova e una tac nuova, subito a disposizione dei medici”

Antonio Capizzi