Ormai la morte non è più un ostacolo per proseguire la carriera. Anche Whitney Houston tornerà a essere protagonista di una serie di concerti live grazie al suo ologramma. La replica digitale della diva intonerà brani celebri come “I Will Always Love You” e “I Wanna Dance With Somebody (Who Loves Me)” con l’appoggio della band originale e dei cantanti di back-up tra cui il fratello Gary.

D’altro canto Whitney è solo l’ultima in ordine di tempo a essere tornata grazie a un ologramma. Prima di lei ci sono stati Tupac, Maria Callas, Roy Orbison, Ronnie James Dio e Frank Zappa. Il progetto è frutto di un accordo tra gli eredi della Houston, che è morta nel 2012, e Primary Wave, una societa’ specializzata nel marketing di brani classici. Finora Pat Houston, la moglie di Gary e l’esecutrice testamentaria della cantante, aveva respinto ogni offerta di commercializzare il successo della cognata, ma ora ha cambiato idea. Oltre al tour dell’ologramma sono in cantiere un musical a Broadway, uno spettacolo in stile Las Vegas e un album di brani ancora inediti i cui diritti sono ancora in mano alla Sony: tutto con l’obiettivo di risvegliare il potenziale commerciale di un brand celebre rimasto “in sonno”.

“E’ una questione di tempi. Per gli ultimi sette anni è stato difficile – ha detto Pat Houston, che per anni è stata anche la manager della cantante, al “New York Times” -. Ora è l’ora di essere strategici”. In base all’accordo, Primary Wave acquisterà dagli eredi il 50 per cento degli asset che comprendono diritti d’autore di film e musica e il diritto a sfruttare il nome e l’immagine. Un ologramma della diva doveva già debuttare nel 2016 in duetto con Christina Aguilera, ma gli eredi all’ultimo momento avevano fatto marcia indietro: non era ancora all’altezza.

Whitney morì nel 2012, annegata nella vasca da bagno dell’albergo in cui alloggiava. Una fine triste dopo un periodo caratterizzato da problemi personali e dipendenze da sostanze stupefacenti. “Prima che morisse, c’è state troppa negativita’ attorno al suo nome. Non si parlava più della musica, gli scandali personali ne avevano oscurato la legacy e la gente ha dimenticato come era grande”, ha detto la Houston. Beneficiari dell’accordo sono oltre a lei, la madre di Whitney, Cissy, e i due fratelli Gary e Michael.