È dovuto intervenire l’elisoccorso di stanza al Cannizzaro, ieri pomeriggio a Maletto, per soccorre un bambino di 10 anni, con ustioni agli arti inferiori. Il fatto è avvenuto intorno alle 18, nella parte alta del paese. Il bambino è figlio di immigrati romeni, che risiedono nel piccolo centro sull’Etna Non è molto chiara la dinamica dell’incidente, da una prima ricostruzione, sembra che la famiglia del bimbo ha usato dell’alcol etilico per accendere un braciere, forse per scaldare la stanza, visto che già la sera a Maletto le temperature scendono sotto i 10 gradi. All’improvviso una fiammata si è sprigionata dal braciere, provocando delle ustioni alle gambe del piccolo. Immediatamente è scattato l’allarme, il 118 ha mandato sul posto l’ambulanza di Bronte con il medico, che ha subito capito che il piccolo doveva essere trasferito al Centro ustioni. Così è stato inviato l’elisoccorso del Cannizzaro, che è atterrato al campo sportivo per prendere in carico il bimbo e trasferirlo a Catania. Non si è ancora appurato, se il bimbo fosse vicino al braciere per accenderlo o se si trovava nei paraggi. Di certo è andata bene, il bambino ha riportato ustioni non gravi, ma è mancato poco che una disattenzione finisse in tragedia.