Dopo il consueto “riposo” del weekend tornano a lavorare a pieno ritmo i laboratori regionali che nelle ultime 24 ore hanno validato ben 4.140 tamponi, di questi ne sono risultati positivi al Coronavirus appena 12 (lo 0,28%). Un dato così basso di contagi giornalieri non si verifica dal 10 marzo. Insomma la strada verso la fine dell’emergenza sembra in discesa. Inoltre si registrano 9 guariti e tre decessi, quindi il numero degli attuali malati resta invariato rispetto a ieri. Dunque dall’inizio dei controlli i tamponi effettuati sono stati 91.306, su 82.079 persone: di queste sono risultate positive 3.267, mentre attualmente sono ancora contagiate 2.202, 818 sono guarite (+9) e 247 decedute (+3). Continuano a diminuire le persone in ospedale. Perchè degli attuali 2.202 positivi, 393 pazienti (-10) sono ricoverati – di cui 26 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.809 (+10) sono in isolamento domiciliare. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 16 di oggi (martedì 5 maggio), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Nella provincia etnea i nuovi contagi rispetto a ieri sono solo 3. Complessivamente, quindi, sono 685 i contagiati finora (84 ricoverati, 239 guariti, 88 deceduti). Questa la divisione degli attuali positivi nelle altre province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 127 (14, 24, 11); Enna, 294 (117, 95, 29); Messina, 373 (74, 126, 52); Palermo, 397 (60, 95, 29); Ragusa, 54 (3, 33, 7); Siracusa, 111 (37, 99, 25); Trapani, 92 (4, 42, 5). Il prossimo aggiornamento avverrà domani.

Come leggere i numeri

I numeri vanno letti e interpretati, se si vuole davvero capire come evolve, in positivo o in negativo, un’epidemia. E si rischia di incorrere in particolare in un equivoco, che va spiegato. Quali sono i numeri che vanno analizzati per capire “come sta andando”? Sono prevalentemente due: i decessi, che sono il dato purtroppo più attuale e più correlabile quindi all’andamento della curva epidemica giorno dopo giorno. E poi il numero di casi totali, perché come detto è solo quello che dà conto di aumenti o diminuzioni nei contagi. Ovviamente è molto importante per tutti anche il numero dei guariti, ma è un dato clinico, non epidemiologico: se ad esempio domani ci fossero 300 nuovi casi e guarissero tutti all’istante, facendo un’ipotesi estrema, pur essendo una splendida notizia non cambierebbe nulla sul piano della curva epidemiologica, che risulterebbe in salita di 300 casi.

Ecco perché il dato che più trae in inganno è quello degli “attualmente positivi”. Molti fraintendendo lo considerano il numero dei nuovi contagiati del giorno, ma è evidente che non è così. Si tratta solo del “paniere” dei malati totali di Coronavirus a cui via via vengono sottratti i morti e i guariti. Dipende quindi non dal numero di persone che fisicamente il giorno prima sono state sottoposte a tampone e dichiarate positive, ma dagli altri due fattori, morti e guariti. Ed ecco perché si crea l’equivoco: se aumentano guariti e deceduti è inevitabile che calino gli “attualmente positivi”, il che non vuol dire affatto che ci siano meno contagi oggi rispetto a ieri.