Dario Marullo, il giovane di 26 anni di Bronte arrestato la mattina del 15 gennaio scorso all’interno dell’operazione “Sciarotta”, torna in libertà, seppur con il divieto di dimora nel Comune di residenza. Il Tribunale del riesame di Catania, accogliendo il ricorso proposto dagli avvocati Antonio Giovanni Petronaci e Maria Mirenda, ha revocato la misura della custodia cautelare in carcere a carico del giovane disposta dal Gip Mirabella. «Il Tribunale – hanno affermato gli avvocati Petronaci e Mirenda – ha valutato attentamente i motivi addotti a sostegno dell’istanza di riesame, entrando nel merito degli stessi, in particolar modo in relazione alla mancanza sia dei gravi indizi di colpevolezza, sia delle esigenze cautelari. Attendiamo il deposito delle motivazioni che avverrà entro 30 giorni per avere un quadro ancora più completo della vicenda processuale». L’operazione vide l’arresto di 12 persone.